PRIMO MAGGIO – DOVE QUANDO PERCHE’

Tutti sappiamo che il 1° maggio  è un giorno di festa , ma non tutti sappiamo il perché.

Il 1° maggio ricorda le battaglie operaie, nello specifico quelle mirate alla conquista di un diritto ben preciso, l’orario di lavoro fissato in otto ore.

Nel 1866, a Chicago in Illinois  vi fu una svolta epocale,  venne approvata la prima legge al mondo che regolarizzava l’orario dei lavoratori, un anno dopo fu messa in vigore.

Naturalmente la notizia non passò inosservata   e nei primi giorni del Settembre 1867, in Europa , con precisione a Ginevra  fu organizzata la “ Prima Internazionale “, nonché il più grande congresso  internazionale, organizzato  dall’ Associazione internazionale dei lavoratori.

In occasione del 19° anniversario dell’entrata in vigore della legge dell’Illinois , fu deciso dalla Federation of Organized Trades and Labour Unions , che il tempo massimo per estendere tale legge a tutto il territorio americano era finito,  attuando cosi uno sciopero  generale a oltranza.

Proprio durante lo sciopero generale  Chicago fu nuovamente protagonista,  vi furono  episodi spiacevoli in cui la polizia sparò sui manifestanti che risposero il 4 maggio con il lancio di una bomba che uccise  sei poliziotti e ne ferì una sessantina.

Episodi duri e importanti,  che si diffusero ben presto nei restanti stati americani  e anche in Europa, motivo per il quale al congresso Internazionale di Parigi del 1889, che diede il via alla Seconda Internazionale, il 1° maggio fu dichiarato ufficialmente  come Festa Internazionale dei Lavoratori.

In Italia, Livorno fu il fulcro della lotta.

Nel 1988 i portuali livornese, venuti a conoscenza dei fatti svoltisi a Chicago, decisero di  rivoltarsi prima contro le navi statunitensi ancorate nel porto, e poi contro la Questura della cittadina portuale, dove si diceva che si fosse rifugiato il console degli Stati Uniti.

Vennero poi rese legali le otto ore lavorative, approvate con il Regio decreto legge n. 692 del 1923, soltanto dopo decenni di battaglie operai e lotte sindacali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *