In gioco c’è il futuro del pianeta Terra

Da Marina di Carrara a Grosseto sono state consegnate una pioggia di bandiere blu. 19 le località toscane che possono vantare di questo riconoscimento, assegnato a maggio 2019 dalle FEE (Foundation for Enviroment Education).

La regione Toscana si conferma al secondo posto dietro alla solita Liguria.

Per raggiungere l’importante risultato della bandiera blu, le nostre spiagge vengono valutate in base a dei criteri internazionali come l’educazione ambientale, la qualità delle acque, la gestione ambientale, i servizi e la sicurezza.

Il vessillo della bandiera blu ha valore solo per l’anno in cui viene assegnato e può essere rimosso in ogni momento qualora si concretizzassero i presupposti per la tale disposizione.

È notizia di pochi giorni fa che la giunta regionale Toscana per salvaguardare la costa, in un’ottica di tutela dell’ecosistema marino e della salute dei cittadini, ha sottoscritto un protocollo d’intesa per liberare gli stabilimenti balneari dalla plastica. 

Il provvedimento prevede che la plastica usa e getta non sia più utilizzabile negli stabilimenti balneari e che venga sostituita dal materiale compostabile (realizzato ad esempio dai derivati del mais).

La decisione è stata presa anche a seguito delle ultime rilevazioni che evidenziano un’isola di plastica nel mar Tirreno, una situazione particolarmente delicata che vede coinvolto uno specchio di mare compreso davanti alla Toscana, le isole e la Corsica.

Nel frattempo in Italia sono partiti i primi progetti sperimentali che vedono partecipare in prima linea i pescatori. 

I rifiuti raccolti durante le ore di pesca saranno scaricati in porto negli appositi contenitori e in cambio i pescatori riceveranno un bonus premiale.

Le numerose attività messe in piedi dalle associazioni e i primi provvedimenti degli Enti danno una svolta epocale per la risoluzione del problema della plastica in mare, ma sarà l’attenzione che porremo sulla terraferma, attraverso una corretta gestione dei rifiuti, a determinare il risultato finale di questa fondamentale partita in cui la posta in palio è la sopravvivenza del pianeta Terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *