RIFIUTI SUL LITORALE – INTERVENTI EFFETTUATI

Seicentoventi rifiuti ogni cento metri , circa quattro rifiuti ogni passo, numeri importanti che emergono dall’indagine ‘ Beach Litter 2018’, svolta da Legambiente su 78 spiagge Italiane.

Sul nostro litorale, per cercare di arginare ed eliminare la problematica dei rifiuti portati dal mare o ancor peggio quelli abbandonati, sono stati investiti dal comune di Pisa, per la stagione 2018, circa 49mila euro per la pulizia di 19 tratti , di  sabbia e ghiaia, compresi tra Marina di Pisa e Calambrone per un totale di oltre 9 ettari di ‘spiaggia libera’.

Il servizio è stato attivato il 21 Maggio, data in cui si è svolta  un attività ‘ straordinaria ‘ nella  quale è stata effettuata la pulizia su tutto il litorale per eliminare i rifiuti portarti dalle mareggiate invernali, e terminerà il 18 settembre, poco prima della fine dell’estate.

Oltre alla pulizia della spiaggia sono state previste ed effettuate altre migliorie tra cui l’istallazione della rampa di accesso e il punto doccia alla spiaggia di piazza Sardegna, una serie di bacheche, la verniciatura della balaustra di piazza Baleari, la disposizione dei cestini per la raccolta differenziata, staccionate per la spiaggia dei cani, situata a Calambrone, e 20 cartelli multilingue che illustreranno l’ordinanza balneare.

Naturalmente sul fronte ‘pulizia litorale’ si schiera anche Legambiente Pisa che, come tutti gli anni, porta avanti la campagna ‘Spiagge Pulite’ per la pulizia e riqualificazione dei nostri litorali e fondali, nei comuni di Pisa e Vecchiano.

Spiagge Pulite – ci spiegano da Legambiente-  è si una campagna nazionale ma è sopratutto un azione concreta e simbolica, organizzata da molti Circoli costieri che a livello locale organizzano collaborazioni con associazioni, comitati e amministrazioni cittadine per salvaguardare e  pulire le spiagge del territorio;

– concludono da Legambiente- una campagna molto importante e decisiva che, in modo continuativo, coinvolge e sensibilizza i cittadini portandoli direttamente sui ‘punti caldi ‘  dei litorali Italiani per aiutare nei ‘lavori’ di pulizia, una campagna che ogni anno vede un aumento di cittadini consapevoli, interessati alle problematiche locali, che sentono il bisogno di  dare una mano per salvaguardare l’ambiente che li circonda.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *