TUTTI AL MARE CON LA CREMA SOLARE

Ormai l’estate è arrivata al culmine con il mese di agosto.
Agosto, sinonimo di vacanze, sole, mare e abbronzatura.
Per godersi il sole in massima sicurezza e raggiungere un’abbronzatura invidiabile ci siamo rivolti al dermatologo Dott. Marco Gigantesco che ci ha fornito alcuni consigli su come esporsi al sole nel modo giusto.
Per raggiungere una tintarella perfetta molte volte durante l’estate abbiamo solo 15 giorni di libertà dal lavoro.
Soprattutto i primi giorni di mare il nostro organismo incomincia a sviluppare quelle sostanze protettive di cui la nostra pelle ha bisogno.
Le creme solari e la loro corretta applicazione sono fondamentali per riuscire a godersi al meglio il sole.
È necessario quindi spalmare generosamente la protezione su tutte le parti del corpo non coperte da indumenti almeno 15 minuti prima dell’esposizione al sole.
Ricordatevi anche le labbra e il volto che di solito sono i punti maggiormente trascurati. Perché la crema possa effettivamente garantire una copertura efficace, deve essere applicata almeno ogni due ore e dopo ogni bagno.
Sopra i flaconi di crema avrete sicuramente notato la sigla SPF che sta per Sun Protector Factor, fattore di protezione solare.
Indica la capacità dei filtri solari di proteggere dalle radiazioni UVB, le più pericolose, perché responsabili delle ustioni cutanee.
Per avere una buona protezione dalle radiazioni sono consigliate creme con un SPF di almeno 30, meglio ancora se resistenti all’acqua.
Gli studi scientifici dimostrano che con l’applicazione di buone creme si riduce notevolmente il rischio di imbattersi nei tumori della pelle, che possono manifestarsi anche a distanza di molti anni dall’iniziale danno cellulare.
Spalmarsi correttamente la crema solare non significa potersi concedere più ore di esposizione, ma ridurre il rischio durante la permanenza sotto il sole.
Ogni anno ricordatevi di cambiare la crema solare perché con il passare del tempo si esaurisce la capacità protettiva e può compromettersi la sterilità.
Anche chi è già abbronzato ha bisogno di protezione perché è comunque a rischio di scottature e, per chi se lo stesse chiedendo, da sfatare assolutamente il mito che le creme con maggiore SPF non facciano abbronzare.
Per non andare incontro poi a brutte sorprese, sono da evitare assolutamente gli abbronzanti fai da te che potrebbero provocare solo spiacevoli irritazioni.
Ultima considerazione: ricordarsi di fare un controllo dei nei ogni anno e preferibilmente su pelle non abbronzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *